Categorie: Immobiliare

Superbonus 110%

AUTORE

Giaric

DATA

Marzo 13, 2021

CATEGORIA
SHARE

Cos’è il Superbonus 110%?

Si tratta di una detrazione del 110% su spese sostenute per interventi in ambito di efficienza energetica, adeguamenti antisismici, installazione di impianti fotovoltaici o di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Le spese documentate e a carico del contribuente sostenute dal 1 luglio 2020 al 30 giugno 2022 avranno diritto ad una detrazione del 110% da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali, le quote annuali saranno invece quattro per la parte di spesa sostenuta nel 2022.

In alternativa alla fruizione diretta della detrazione, è possibile optare per lo sconto in fattura o per la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante.

Si dovrà dare comunicazione della cessione o dello sconto all’Agenzia delle Entrate usando l’apposito modello.

Requisiti

Naturalmente ci sono dei requisiti per poter usufruire del bonus.

Infatti è necessario eseguire almeno un intervento trainante (isolamento termico, sostituzione impianti climatizzazione, interventi antisismici). Il Superbonus spetta anche per gli interventi trainati (installazione impianti fotovoltaici, installazione sistemi di accumulo, interventi di efficientamento energetico, installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici) purché vengano eseguiti insieme ad uno degli interventi elencati precedentemente.

Vediamo ora quanto stabilito per i condomini.

Si specifica che ai fini dell’applicazione dell’agevolazione l’edificio oggetto degli interventi deve essere costituito in condominio secondo la disciplina civilistica prevista.

L’agenzia delle entrate ha fornito a tal proposito maggiori delucidazioni che riportiamo qui di seguito, stabilendo che:

  • In presenza di un condominio minimo (ovvero un edificio composto da un numero non superiore a otto condomini ai fini della fruizione del beneficio) può essere utilizzato il codice fiscale del condomino che ha effettuato i connessi adempimenti.
  • Al fine di beneficiare del Superbonus per i lavori realizzati sulle parti comuni, i condomìni che, non avendone l’obbligo, non abbiano nominato un amministratore non sono tenuti a richiedere il codice fiscale.
  • Il Superbonus non si applica agli interventi realizzati sulle parti comuni a cinque o più unità immobiliari distintamente accatastate di un edificio interamente posseduto da un unico proprietario o in comproprietà fra più soggetti.
  • Il contribuente è comunque tenuto a dimostrare che gli interventi sono stati effettuati su parti comuni dell’edificio.

Quali interventi sono ammessi?

  • interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate che interessano l’involucro dell’edificio;
  • interventi realizzati sulle parti comuni degli edifici stessi per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati.

Se siete arrivati a leggere fino a questo punto probabilmente siete interessati ad usufruire della detrazione. Tenete a mente che ci sono degli step da seguire che possiamo riassumere in questo modo: studio di fattibilità, avvio dei lavori, calcolo delle detrazioni e fine dei lavori.

Articoli simili